Picasso Market

Se c’è una conclusione certa che possiamo trarre dalle ultime aste è certamente la richiesta crescente ( e le quotazioni da capogiro) delle opere di Picasso.

Basti pensare che sono stati 60 le opere dell’artista spagnolo, datate fra il 1908 e il 1970, andate in asta recentemente da Christie’s, Sotheby’s e  Phillips, per un totale complessivo di  £163,439,750 (o $227.8m, diritti compresi).

Le opere che sono state offerte in asta spaziano dai primi periodi, come Femme au beret et à la robe quadrille (Marie-Thérèse Walter) (1937) Londra da  Sotheby’s, che ha raggiunto i  £49.9m, fino a quelle più tarde, come i moschettieri da Christie’s  Mousquetaire et nu assis (1967), aggiudicati a £13.7m.

E poi 2 giorni fa, l’attesissima opera del primissimo periodo Rosa dell’artista,Fillette à la corbeille fleurie (1905) parte della prestigiosa collezione Rockefeller e stimata $100 milioni (il prezzo più alto fra i ben 1500 lotti di questi giorni di un’asta memorabile) che ha raggiunto ben $115 milioni da  Christie’s.

Pablo Picasso (1881-1973)
Fillette à la corbeille fleurie, 1905 – Estimate under request

Gli esperti affermano che questo sia l’anno di Picasso, anche per alcuni fattori chiave concomitanti, fra cui sicuramente anche la mostra blockbuster alla Tate Modern di Londra , accompagnata da moltissime altre mostre a lui dedicate in tutto il mondo; a ciò si aggiunge però un inusuale numero di capolavori rari e da collezioni prestigiose apparsi contemporaneamente in asta, e soprattutto però anche il crescente interesse verso l’artista da parte dei più ricchi magnati Asiatici: Questa è già sicuramente una tempesta perfetta, che può aver portato le vendite di Picasso nel 2018, a raggiungere finora quasi già più di metà di un miliardo, in soli 5 mesi.

Tuttavia, questa stagione ricca di Picasso non è un unicum nella storia del mercato dell’arte: Possiamo per esempio ricordare quella sorprendente asta di Sotheby’s della collezione di Stanley J. Seege nel Novembre 1993, che portò ben  $32milioni per 88 opere, fra dipinti e lavori su carta.

Tuttavia, questa recente comparsa in asta in simultanea di più capolavori di Picasso, come è accaduto alle ultime aste di Londra,con le 2 notevoli opere con  Marie-Thérèse offerte sia da  Sotheby’s che Phillips, suggerisce sicuramente che ci sia una grande confidenza sull’andamento positivo del mercato dell’artista,  sia da particelle case d’asta, che di coloro che consegnano le opere per la vendita. Del resto, non potrebbe essere altrimenti, se consideriamo che dal 1998il prezzo di un  Picasso andato da circa $1.2m a  $7.5m.

Picasso-in-situ-in-New-York-gallery-1024x748
Pablo Picasso’s Buste de femme de profil. Femme écrivant (1932) will headline Sotheby’s Impressionist and Modern evening sale in London in June.

Uno specialista di Christie’s descriveva i fattori che rendono Picasso il nome ideale oggi sia per un mercato polarizzato, ma anche democratico, dicendo: ” ha una reputazione, un riconoscimento universale e un lascito notevole, che attrae i collezionisti sia nuovi che consolidati da tutto il mondo. I suoi dipinti vedono poi un approvvigionamento costante in asta, che aiuta a mantenere il momentum e la fiducia sul suo mercato, e solo 3 unici lavori sono stati venduti a più di $100milioni”

Tuttavia, ci soon ache opinioni diverse sulle sorti dei correnti trend positivi del mercato dell’artista: per esempio Thomas Seydoux, parte della  Seydoux & Associés Fine Art e precedentemente direttore da  Christie’s del dipartimento Impressionist and Modern Art in Europe, sostiene che il mercato di Picasso non potrà espandersi ulteriormente. 

Ha spiegato infatti:  “Picasso è già, finora, uno degli artisti in assoluto più di successo sia in asta che sul mercato dei privati, in termini di valore, volume e medium, per opere che vanno dal  1900 fino al 1973. E’ già un artista unico nel suo genere, ed è per questo probabilmente che misteriosi compratori preferiscono lui, come prima scelta.

A Maggio vedremo offerto da Christie’s anche Le Marin (1943), parte un tempo della collezione di Victor e Sally Ganz e messo in vendita da  Steve Wynn con una stima di circa $70 milioni. Mentre per  il 19 Giugno da Sotheby’s Londra è stato annunciato già  Buste de femme de profil. Femme écrivant (1932), un ritratto della più grande musa di Picasso,  Marie-Thérèse Walter, stimato $45 milioni

“La gente vede Picasso come il grande nome dell’arte del XX secolo” ha osservato un altro specialista “E se puoi permetterti di acquistare uno dei suoi lavori di qualche periodo, non ti pentirai mai di quell’acquisto” .

Di fatto però, anche guardando al  2018, il mercato di Picasso ha mille teste , tante quante i mille diversi periodi della sua opera. Un altro esperto notava infatti in  un’intervista ad Artsy:

“ Mi piacerebbe poter dire che è stato tutto progettato, che tutti questi capolavori venissero fuori in asta, ma in realtà è stato davvero un caso fortuito check fosse un numero così vario di opere di così vari periodi. E a questo livello del mercato, c’è davvero una gran richiesta per i grandi capolavori dell’artista”

 

Staremo a vedere dunque, se questa “Picasso Mania” andrà avanti, o scoppierà per accasciarsi su nuove quotazioni più alte, ma assestate a cifre stabili a un certo punto.




Add Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *